Quale macchina fotografica acquistare

Sono un fotografo per passione ormai da parecchi anni, e mi sento di darti qualche consiglio come è capitato a me su quale macchina fotografica comprare.

E’ importante sapere che non c’è bisogno di spendere un patrimonio per la vostra prima macchina fotografica, basta anche una fotocamera entry level, per fare belle fotografie.

Non è la fotocamera che fà belle fotografie, ma chi ci stà dietro, che con passione, lo studio, scatto dopo scatto riesce ad avere fotografie efficaci.


Ormai anche le macchine di oggi, economiche hanno raggiunto livelli tecnici che sfornano file e fotografie di qualità sufficienti per stampare anche poster. Semmai uno deve spendere un euro in più consiglio di spenderlo in ottiche di qualità, anche se già quelle in kit (18/55) sono già ottime.

Prima di tutto dobbiamo capire che tipo di utilizzo ne vogliamo fare, il genere di fotografia che ci potrebbe interessare, se fotografia di ritratto, di street photography, di paesaggi o naturalistica.

Il mercato delle fotocamere oggi si è evoluto parecchio rispetto a qualche anno fà, le tipologie di macchine fotografiche sono parecchie.

Quale modello di fotocamera

Le macchine fotografiche compatte; sono con comandi automatici, ma negli ultimi anni si trovano anche con comandi manuali e più professionali.

Il mondo delle macchine fotografiche Bridge; dall’inglese ponte, proprio perchè sono tra le macchine reflex e le fotocamere compatte. Generalmente somigliano alle reflex ma hanno un obbiettivo fisso, non intercambiabile con escursione focale che va dal grandangolo al teleobiettivo.

Le caratteristiche principali che distinguono le fotocamere mirrorless dalle reflex sono l’assenza dello specchio. Queste fotocamere permettono alle case produttrici di ottenere dei corpi macchina di dimensioni ridotte, quasi come le compatte, pur mantenendo una qualità delle immagini elevata.

Le macchine fotografiche reflex; hanno un mirino dove l’immagine da visualizzare è riflessa da uno specchio interno. Hanno la possibilità di cambiare obiettivi e quindi montare l’obbiettivo più adatto alla vostra ripresa fotografica.

Il mio consiglio è quello di andare a provare in un centro commerciale o in un negozio di fotografia le varie fotocamere che avete in mente. Cercare quelle che hanno le caratteristiche che fanno per voi, e poi guardate anche online che prezzi vi offrono a parità di prodotto.

Vi ricordo di tenere in considerazione una cosa, meglio investire sugli obiettivi che sul corpo macchina. Vi voglio dare due consigli spassionati; il primo è quello di studiare ed esercitarvi il più possibile, e quando dico di studiare non intendo in senso scolastico, ma intendo sfruttare le enormi risorse che abbiamo a disposizione.

Uscire di casa e scattare e scattare e poi su internet, infatti gratuitamente possiamo trovare una quantità di informazioni. Grazie a tutorial e video su youtube è molto facile diventare autodidatta nel campo della fotografia in poco tempo.
Insomma se vogliamo imparare abbiamo tantissime fonti da cui possiamo apprendere quanto più vogliamo sulla fotografia. E’ importante non scoraggiarsi alle prime difficoltà e soprattutto di trovare quel campo della fotografia che più vi dà piacere e più vi rendono felici.

I filtri fotografici e loro uso

Una volta quando non c’era il digitale, i filtri in fotografia si utilizzavano molto spesso rispetto ad oggi. Con l’avvento del digitale e con i vari software a disposizione ormai parecchi filtri sono andati scomparendo e quasi non più utilizzati.

Tuttavia ci sono dei filtri fotografici che non se ne può fare a meno perchè ancora non sostituibili da software, neanche dai più sofisticati.

I filtri possono essere a lastra, applicabili davanti all’obiettivo tramite portafiltri. Oppure circolari dove bisogna stare attenti però al momento dell’acquisto, controllare sempre il diametro del vostro obiettivo, per non sbagliare sezione e quindi inutilizzabili. Mentre quelli a lastra non ci sono problemi ci sono gli adattatori e quindi utilizzabili su diverse misure di obiettivi.

I principali filtri utilizzati ad oggi sono di tre tipologie; il filtro ND a densità neutra capaci di togliere vari stop di luce in base alla densità del filtro. Usati soprattutto per le lunghe esposizioni, per l’effetto seta di cascate oppure il mare e le nuvole.

Il filtro polarizzatore capace di eliminare i riflessi nell’acqua oppure i riflessi sui vetri e a quasi tutte quelle superfici riflettenti. Nella fotografia di paesaggio viene utilizzato anche per saturare i colori del cielo.

Il filtro UV riduce significativamente i riflessi nell’obiettivo, non influisce sul colore, resiste contro i graffi, l’acqua e polvere. Utile per affrontare i rigori della fotografia di avventura.

Accessori per fotografia di paesaggi

Avete appena comprato la vostra prima fotocamera, che sia essa una Reflex è una mirrorless. Allora probabilmente siete interessati alla fotografia altrimenti non l’avresti mai comprata.
Che la fotografia sia la vostra passione, o meno, non preoccupatevi, di base oltre le regole fotografiche e tecniche di scatto servono anche degli accessori. Essi sono fondamentali secondo me per i vari generi fotografici. Ognuno di noi ha passioni diverse, c’è a chi piacciono i ritratti, a chi piace la paesaggistica, a chi fotografare animali, e così via. Secondo me ci sono accessori indispensabili per un fotografo, principiante o meno che sia.

Zaino fotografico

ho comprato questo zaino fotografico

Un accessorio fondamentale per un fotografo è sicuramente uno zaino o una borsa o marsupio per il trasporto dell’attrezzatura fotografica. Ormai si trovano di tutti i tipi e di tutti i prezzi. La scelta di uno zaino in teoria è più pratico per un fotografo di paesaggi o per escursioni. Una borsa più per fotografia di strada e visite in città. Lo zaino ti consente di trasportare e proteggere la tua fotocamera. Puoi trasportare inoltre accessori e attrezzature per lungo tempo.

cavalletto e mini treppiedi flessibile

Il mio primo accessorio fondamentale per un fotografo di paesaggi e proprio il cavalletto o treppiedi. Quando devi fare delle lunghe esposizioni hai la necessità che la fotocamera rimanga bella salda al suo posto per evitare vibrazioni, nella scelta considerare il peso che sopporta il treppiede e la testa.

Consiglio personale, se possibile evitare treppiedi troppo economici ma sceglierne uno leggero ma robusto, il materiale in carbonio da preferire rispetto a quelli in alluminio. Quando vai a scegliere il treppiede secondo fattore da tenere in considerazione il treppiede è composto da due elementi è composto dal settore gambe ed ha una testa.

Un consiglio sulla stabilità del cavalletto, evitate se possibile la distensione completa di tutte le sezioni delle gambe, più distendete le gambe e meno stabilità avrete. Scegliete una testa a sfera rispetto a una angolare, permettono di fare delle micro regolazioni micrometriche e questo vi permette di ottenere risultati migliori.

kit pulizia fotocamera

Indispensabile è un kit di pulizia per fotocamere, formato da un pennello molto fine e morbido, una pompetta dell’aria. Un panno antistatico per la pulizia della lente dell’obiettivo e dello schermo della fotocamera.
Attenzione a non pulire il sensore, questa è un’operazione che lascerei a un tecnico, è una parte della macchina molto delicata.

telecomando per fotocamera

Un altro accessorio che serve molto, per chi come è appassionato di fotografia paesaggistica. Un telecomando remoto per lo scatto, molto usato in condizioni di scarsa luce, nelle fotografie di paesaggio, negli scatti notturni e tempi lunghi di esposizione.

Fanno parte degli accessori indispensabili per me anche una batteria di riserva, schede e porta schede per ritrovarle facilmente dentro lo zaino.
Un cavalletto e un mini treppiedi flessibile, un flash, trigger, e a ogni genere fotografico ognuno può trovare gli accessori più consoni alla loro passione.